[FESTIVAL-RECENSIONE] À PEINE J’OUVRE LES YEUX (“Appena apro gli occhi – Canto per la libertà”)

Da giovedì in pochissimi cinema italiani è arrivata questa piccola perla che io ho perso a Venezia e che fortunatamente sono riuscita a recuperare al Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, la recensione è arrivata solo ora perché speravo di invogliare la gente ad andare al cinema a vedere questo gioiellino del cinema tunisino. Non mi spreco più in parole ecco la recensione.

TITOLO ORIGINALE: على حلّة عيني

REGISTA: Leyla Bouzid

CAST: Baya Medhaffer, Ghalia Benali, Montassar Ayari, Aymen Omrani, Lassaad Jamoussi, Deena Abdelwahed, Youssef Soltana, Marwen Soltana

VOTO: 8+

TRAMA:La giovane Farah canta in un gruppo musicale underground che si oppone al regime di Benali con canzoni che denunciano frustrazione, povertà e ingiustizia della Tunisia prima della rivoluzione. La ragazza dovrà confrontarsi prima con l’opposizione della  madre e poi con la violenza del regime.”_CinemAAAL

RECENSIONE:

 

Continue Reading

[FESTIVAL – RECENSIONE] MINA WALKING

Film presentato, nominato e premiato in numerosissimi festival internazionali, da Toronto a Busan passando da Berlino e il Cairo.
Sono molto contenta di aver avuto la possibilità di vedere questo docu-film che è riuscito a raccontare ed emozionare allo stesso tempo.

Ecco la recensione

TITOLO ORIGINALE: Mina Walkig

REGISTA: Yosef Baraki

CAST: Farzana Nawabi, Hashmatullah Fanai ,Qadir Aryaie, Marina Golbahari, Safi Fanaie, Massoud Fanaie, Shahwali Nawabi, Hamidullah Wafa, Mohamad Nabi Attai, Gholam Farouq Baraki

VOTO: 7,5

TRAMA: Piena di energia, tenace e ribelle, Mina, a soli dodici anni, riesce a cavarsela da sola in una società dove gli uomini comandano. Suo padre è un drogato, un uomo perduto, il nonno vecchio e indifeso, la madre è stata uccisa dai talebani. Ora deve cavarsela da sola. Girato nelle strade turbolente di Kabul in uno stile documentaristico, il film ritrae la severità della vita in questo paese devastato dalla guerra.“_ CinemAAAL

RECENSIONE: 

Continue Reading

[FESTIVAL – RECENSIONE] CHAOTIC LOVE POEMS

TITOLO ORIGINALE: Aach…Aku Jatuh Cinta

REGISTA: Garin Nugroho

CAST: Pevita Pearce, Chicco Jerikho, Nova Eliza, Annisa Hertami

VOTO: 6,5

TRAMA: Giocando con gli stili cinematografici delle tre decadi, anni ‘70, ‘80 e ‘90, il regista ci racconta una storia d’amore ispirata a Romeo e Giulietta. E’ la storia di Rumi e Yulia, che si amano fin da bambini, ma le vicende della vita e della nazione finiscono per separare. La loro relazione diventa una caotica poesia d’amore nel bel mezzo dei cambiamenti politici e sociali della società indonesiana degli ultimi 30 anni.“_ CinemAAAL

RECENSIONE:

Continue Reading

[FESTIVAL-RECENSIONE] ROSA CHUMBRE

Pensavate che fossero finite le recensioni del Festival Africano, d’Asia e America Latina? Bene Non è così ecco la recensione del primo e unico film sudamericano che ho visto e che sfortunatamente com’è successo per Stop di Kim Ki Duk, non mi ha assolutamente entusiasmata.

TITOLO ORIGINALE: Rosa Chumbre

REGISTA: Jonatan Relayze

CAST: Cindy Díaz, Liliana Trujillo

VOTO: 4,5

TRAMA: “Faccia da dura e giubbino di pelle, Rosa è un’agente di polizia con il vizio del gioco e dell’alcool. Vive con la figlia Sheila e il nipotino. Un giorno, dopo un litigio, Sheila le ruba risparmi e scappa lasciandosi il bambino alle spalle. Rosa è costretta ad occuparsi per la
prima volta del piccolo. Qualcosa cambia dentro il suo cuore di pietra. Ma una notte, l’impensabile accade…..” _ CinemAAAL

RECENSIONE:

Continue Reading

[FESTIVAL – RECENSIONE] “LES FRONTIÈRES DU CIEL”

La settimana del Festival del Cinema Africano, Asia e America Latina si è conclusa e io sto riprendendo i contatti con la realtà, è la prima volta che qui su Cookies posto una recensione e sono molto contenta di iniziare con questo film che mi ha letteralmente aperto un mondo. Nonostante siano alcuni anni che, grazie al nostro fratello maggiore Mugunghwa Dream, vado a Venezia non ho assolutamente memoria di nessun film tunisino visto lì al lido (“A Peine J’Ouver Les Yeux” è stato presentato a Venezia ma io me lo sono persa, fortunatamente l’ho recuperato al CinemAAAL e presto arriverà la recensione), e questo è stato un ottimo modo per iniziare ad approcciare questa cinematografia. Chiudo qui questa lunga introduzione ringraziando ancora il Festival del Cinema Africano, Asia e America Latina per questa bella e nuova esperienza.

 

TITOLO ORIGINALE: شبابك الجنة

REGISTA: Fares Naanaa

CAST: Anissa Daoud, Lotfi Abdelli

VOTO: 7/8

TRAMA:Discesa negli inferi di una coppia su cui incombe il peso della società e il senso di colpa. Sami e Sara sono sposati da dieci anni. Sembrano condurre una vita tranquilla e felice quando un giorno un profondo dolore li colpisce e mette in crisi il loro equilibrio e il loro legame. Il quotidiano di una coppia alle prese con lutto, sessualità, religione, famiglia: un affresco inedito, intimo e viscerale, della Tunisia di oggi.” _ CinmAAAL

RECENSIONE:

In tutta sincerità mi ci sono voluti molti giorni prima di ricostruire questo film; ero convinta che tornando a casa sarei riuscita a scrivere una recensione ‘di pancia’, ma mi sono resa conto nelle numerose prove di scrittura che non era così semplice; “Les Frontières Du Ciel – le frontiere del cielo-” è un film duro e non solo per la tematica dell’elaborazione del lutto presente nell’intero film, ma anche e soprattutto perché è un film reale, è un film che riesce ad entrare dentro al cuore e all’anima delle persone.

Continue Reading