“C’ERA UNA VOLTA STUDIO UNO”- Nostalgia di anni mai vissuti

Lunedì 13 e Martedì 14 Febbraio su RAI1 si è tornati indietro nel tempo con una Fiction dedicata allo storico programma “Studio Uno”; per me, che ho vissuto con genitori abbastanza nostalgici e ho studiato quegli anni televisivi sui libri universitari, è stata un bel salto nel passato che ho sempre vissuto per vie traverse.

Studio Uno è stato uno dei primi verità italiani con presentatrice, la regina della musica italiana, Mina, le gemelle Kessler e le coreografie di Don Lurio (sua l’indimenticabile DaDa Un Pa ballata dalle gemelle tedesche); erano gli anni ’60 gli usi e costumi, ma soprattutto la morale italiana, era ben diversa da oggi. La miniserie racconta con semplicità quegli anni, facendo tornare indietro nel tempo chi all’epoca era giovane e facendo vivere quegli anni ai giovani, anzi giovanissimi, che hanno seguito la serie.

Il fascino dei tempi andati ha, infatti, battuto la concorrenza sfiorando per due sere di seguito (la prima, quella di Lunedì, contro “L’Isola dei Famosi”) i sette milioni di telespettatori e toccando la soglia del 25% di share, confermando quello che è ormai sempre più chiaro; le serie tv RAI hanno una forza narrativa ben più forte di quelle della concorrenza (“Il Bello delle Donne” per citarne una).

Continue Reading

MARIA DE FILIPPI CO-CONDUTTRICE A SANREMO 2017

La mattinata si è aperta con una notizia succulenta che ha scaldato il cuore di molti, TvBlog ha regalato un’indiscrezione da cento milioni di dollari, pare infatti che il sempre abbronzato Carlo Conti abbia chiamato niente popò di meno che Queen Mary, Maria De Filippi, per condurre Sanremo 2017.

 

Badate bene, non stiamo certo parlando di un’ospitata com’è già accaduto in passato, prima con Bonolis  e poi con lo stesso Conti al timone, ma di una vera e proprio co-conduzione con la Regina delle Regine della TV italiana al fianco di colui che meglio ha rappresentato la kremesse canora più importante del nostro paese negli ultimi anni.

Continue Reading

LA SOAP DEI RECORD: I PRIMI VENT’ANNI DI ‘UN POSTO AL SOLE’

Era il 21 ottobre del 1996 quando a Napoli moriva il conte Giacomo Palladini.
Con la sua morte si apriva uno dei programmi più longevi della tv italiana; Un Posto Al Sole, che grazia alla sua nascita e al suo successo è riuscito a salvare il Centro RAI Napoli dalla chiusura (n.d.a. insieme anche al successo de La Squadra).
Realizzata da Fremantle Media Italia e RaiFiction, la soap, ha da sempre un taglio che l’ha resa unica nel suo genere, insieme alle trame romanzate tipiche di una classica soap opera, fatte di intrighi, amori e tradimenti, si inserisce uno spaccato di realtà della vita di tutti i giorni, con l’immancabile simpatia che contraddistingue il popolo partenopeo.
Gli intrecci della soap si strutturano all’interno di uno storico palazzo che affaccia sul Golfo di Posillipo, in un quartiere altolocato del capoluogo campano, di proprietà della famiglia Palladini.
La famiglia del conte Tancredi, nipote ereditario di Giacomo, è, infatti, la grande protagonista dei primi anni della soap. Le storie della nobile famiglia s’intrecciano con quelle più umili dei condomini del palazzo, a partire dal portiere Raffaele (Patrizio Rispo), cuore pulsante della soap dalla primissima puntata.
Un palazzo come tanti, fatto da gente comune; è questa la forza della soap partenopea, che nei suoi onorati vent’anni è riuscita ad appassionare poco più di due milioni di telespettatori che tutte le sere si sintonizzano sul pre-serale di RaiTre; un enorme successo per una soap e per terza rete RAI.
Ma cosa differenzia questa soap dalle altre soap italiane che hanno chiuso i battenti nel corso degli anni?
Quella punta di realismo che fa si che il telespettatore non si perda in storie lontane dalla propria realtà; il papà di Un Posto Al Sole, Giovanni Minoli, nel lontano 1994 ha raggruppato un vero e proprio gruppo di specialisti, sociologi e giornalisti per lavorare su una serie che strizzava l’occhio a Neighbours , serie tv australiana, rendendola il più possibile vicino alla realtà Italiana, e più in particolare napoletana.
un_posto_al_sole

Continue Reading